sportivo 3 giorni

(Per le escursioni rivolgersi alla Casa del Parco di Visso, via del Bargello,8; tel.0737- 795262)

1° Giorno
Escursione all’interno del Parco Nazionale dei monti Sibillini. La catena dei Monti Sibillini è la parte umbro-marchigiana degli Appennini. Di notevolissimo interesse ambientale e paesaggistico, le sue cime arrivano fino ai 2400m (Monte Vettore 2476m). Durante il percorso si potranno ammirare stupendi panorami su boschi, strette valli, gole ed ampie distese prative. Il Parco nazionale dei Monti Sibillini, istituito nel 1990, tutela un’area di circa 70000 ha. e ha lo scopo di proteggere l’ambiente naturale cercando però di non trascurare le potenzialità produttive e turistiche della zona.

2° Giorno
USSITA (744 m):
piccolo centro montano situato sul versante nord occidentale del Monte Bove (2112m), attrezzato per i soggiorni estivi e per gli sport invernali. Molte sono le attrattive paesaggistiche e di notevole interesse sono anche le opere d’arte celate nelle chiese sparse nelle frazioni. Inoltre, nonostante i restauri recenti, le chiese mantengono ancora elementi della costruzione originaria, conservando ognuna una propria particolarità. Risale al 1380 la costruzione del Castello sul colle Fantellino, voluta da Rodolfo da Varano. Sarà possibile praticare varie attività sportive presso strutture quali il palaghiaccio di Ussita , il maneggio , la piscina, o effettuare escursioni sul Monte Bove.

3° Giorno
FIASTRA (783m)
, comune composto da vari nuclei abitati, particolarmente interessante dal punto di vista climatico e ambientale. Da vedere, sopra un poggio, i resti di un castello del 1000 e, dentro le mura, la chiesa di San Paolo eretta in forme romaniche dai Benedettini.. L’omonimo lago ( 640m) è un vasto bacino artificiale formato con la costruzione di una diga di sbarramento del fiume Fiastrone, di imponenti dimensioni: 100 m di altezza, 360 m di lunghezza. Il lago offre la possibilità di pescare, di fare sci acquatico ed è anche dotato di spiaggia attrezzata.
Escursione nella valle del Fiastrone nel tratto successivo alla diga sul lago di Fiastra, dove il torrente scorre in una forra di grande bellezza, scavata tra il Monte Fiegni e il Monte Corvo. Una diramazione porta alla “Grotta dei frati”, così viene chiamato ciò che resta di un monastero rupestre fondato da una piccola comunità di frati francescani nell’alto Medioevo.

torna all'inizio del contenuto
Questa è la sezione del sito istituzionale del Comune di Camerino dedicata al turismo. Per le informazioni che riguardano l'Ente, vai alla home
Questo sito è realizzato da TASK secondo i principali canoni dell'accessibilità | Privacy | Note legali